• Notizie: dettaglio notizia

    • Icona Notizie 17/12/2008

      Un nuovo osservatorio astronomico

       CIVITA D’ANTINO. Operazione recupero al via per la Torre dei Colonna donata al Comune da privati insieme al giardino antistante la vecchia struttura medievale in pieno centro storico. Ora per quel pezzo di storia, un tempo parte integrante del sistema di avvistamento difensivo della Valle Roveto, si profila un ritorno al “passato” in versione moderna: l’amministrazione comunale punta a realizzarvi un osservatorio astronomico sulla scia della Torre delle stelle di Aielli. Primo passo: l’avvio dei lavori sotto la regia della Sovrintendenza archeologica. Il Comune, infatti, ha impegnato 250mila euro per il recupero e la ricostruzione della vecchia torre medievale ricevuta in dono dalla famiglia Venditti: le sorelle Paola e Anna e il marito di quest’ultima Manlio Flore. «Una decisione illuminata», afferma il sindaco Paolo Fantauzzi, «che dà al Comune la possibilità di valorizzare la struttura in chiave turistica. Per questo, a nome dell’amministrazione e dell’intera comunità, voglio ringraziare la famiglia Venditti per un gesto che rimarrà nella storia del paese». Aperto il cantiere, il primo cittadino ha avviato i contatti con l’osservatorio di Aielli per avere lumi sull’organizzazione del centro e sulle peculiarità. «Non vogliamo fare concorrenza alla torre di Aielli», spiega Fantauzzi, «ma realizzare una struttura che ampli le possibilità di osservazione degli astri, in sintonia con il centro della Valle del Giovenco, per dare impulsi alla crescita del turismo scolastico e degli appassionati degli astri». Il recupero della torre, comunque, è inserito in un piano di valorizzazione ad ampio raggio dei beni storici, archeologici e culturali di cui il centro rovetano che fece innamorare i pittori danesi capitanati da Zarhtmann è particolarmente ricco. Nella torre dei Colonna, pezzo di storia del paese a pianta quadrata, costruita nell’XI secolo sull’altura dell’Acropoli, conosciuta come la «Casa di San Lidano»“, quindi, dopo il restauro, nascerà un osservatorio astronomico. Recupero e valorizzazione del patrimonio per incentivare il turismo.  Scelta strategica per il Comune che ha messo in cantiere anche altri importanti progetti: recupero delle mura ciclopiche, creazione di un Museo nella vecchia chiesa, in piazza Santa Maria, e valorizzazione del sito archeologico nella zona del vecchio cimitero napoleonico dove sono venuti alla luce mosaici, pavimenti, vasellame e altri pezzi di storia di Antinum.


      Il Centro — 23 marzo 2008
      articolo di (m.s.)



  • Accesso Rapido ai servizi

    •    Calcolo del codice fiscale  Albo Pretorio  Autocertificazioni

Sei il visitatore N.: 1020001
Powered by ICT Global Service srl